Il Presidente di una Associazione può essere pagato come istruttore?

/, Il Blog, News/Il Presidente di una Associazione può essere pagato come istruttore?

Il Presidente di una Associazione può essere pagato come istruttore?

Rispondiamo ad una domanda ricorrente: il Presidente di una ASD può percepire compensi? Vediamo come fare fronte ai rischi e non incorrere in problematiche.

Per comprendere se il Presidente di una Associazione può percepire un compenso, dobbiamo fare ricorso allo statuto ed alle regole base che stabiliscono il divieto di distribuzione di utili. 

Il pericolo di erogare compensi a Consiglieri, Presidente o altre cariche sociali dell’associazione è appunto quello di ricadere in un fatto vietato nelle non profit: la “distribuzione di utili”

Il requisito di “Divieto di distribuzione di utili”

Le società e le associazioni sportive dilettantistiche sono disciplinate dall’art. 90, comma 18, della L. 289/2002  , tale norma prevede il contenuto minimo dello statuto  degli Enti non commerciali (vai all’articolo sui contenuti dello statuto che abbiamo scritto –>).

Fra queste condizioni vi sono anche le regole che disciplinano l’assenza di fini di lucro. La lettera D  del suddetto articolo mette in evidenza come nello statuto delle associazioni sportive dilettantistiche occorre dichiarare espessamente lassenza di fini di lucro e la previsione che i proventi della attività non possono, in nessun caso, essere divisi fra gli associati, anche in forme indirette.

Tale Assenza del fine di lucro vale anche per gli Enti del Terzo Settore, le norme sulle Associazioni di Promozione Sociale (L. 383/2000), le Organizzazioni di Volontariato (L. 266/1991) e appunto la disciplina delle Onlus, che vedremo in seguito con il Dlgs 460/197.

Attenzione a ipotesi di distribuzione degli utili

La distribuzione degli utili agli organi direttivi e agli associati, come è ben evidente, trasformerebbe l’associazione in una società a scopo di lucro con una conseguente contraddizione dei fini dell’associazione stessa.

Gli effetti della contestazione: Tale ipotesi, frequente contestazione da Agenzia Entrate e Guardia di Finanza, causa il disconoscimento delle agevolazioni ed il recupero a tassazione delle somme incassate.

La norma di riferimento è il DLgs 460/1997 (distribuzione diretta o indiretta di utili).

L’articolo 10, comma 6 del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n.460 (lo trovate qui) costituisce il punto di riferimento utile ad orientarsi sulla questione dei proventi e della loro distribuzione diretta (assolutamente vietata) e in forme indirette. Talune forme di erogazione di compensi sono automaticamente compresi come forme indirette di distribuzione degli avanzi di gestione. Vi sono alcuni fattori che determinano, infatti, la presunzione di indiretta distribuzione di utili (per chi è interessato abbiamo scritto un articolo su “ciò che è in ogni caso distribuzione di utili” lo trovate a questo articolo)

In tale articolo viene specificato che per avanzi di gestione e per ridistribuzione indiretta di utili si intende anche la corresponsione agli organi direttivi, incluso il presidente, di uno stipendio annuo che superi il compenso massimo stabilito dal decreto del Presidente della Repubblica 10 ottobre 1994, n. 645, e dal decreto-legge 21 giugno 1995, n. 239, convertito dalla legge 3 agosto 1995, n. 336.

Tale approccio è stato ribadito varie volte dall’Agenzia delle Entrate con apposite Circolari esplicative

Non Utile e Perdita ma Avanzo e Disavanzo: chiamiamo le cose col giusto nome…

Anzitutto negli Enti non commerciali non si parla di Utile e Perdita ma di Avanzo e disavanzo di gestione. Tale differenza non è banale poiché Utile è un concetto legato alle aziende commerciali “profit”.

Il Presidente può percepire un compenso?

Se stabilito dallo statuto, il presidente potrà ricevere un compenso per le attività svolte per l’associazione al pari di altri soci, associati e tesserati. Parliamo di compensi stabiliti per attività di cui all’articolo 67 e 69 TUIR che trovate in questo articolo.    riservato però a Società e Associazioni Sportive Dilettantistiche e Collaborazioni Amministrative degli stessi Enti e ad Associazioni di Bande, Cori musicali e filodrammatiche (es. le ANBIMA).

Le attività per cui il Presidente può percepire un compenso saranno:

  • indennità di trasferta, compensi e premi strettamente collegati all’attività sportiva (es. istruttori sportivi, attività di formazione, educazione e assistenza);
  • indennità di carica (fino ad un massimo previsto ai presidenti di collegi sindacali di SPA).

 Come può essere erogato il compenso?

Il Compenso o indennità per ASD/SSD può essere erogato in due modi:

  • Compensi come redditi diversi fino al concorrimento complessivo dei 10.000Euro annui (guarda qui);
  • Come lavoro occasionale fissato in massimo 5.000Euro annui e per una durata non superiore a 30 giorni con applicazione di ritenuta d’acconto da parte dell’associazione del 20%.

Perché scegliere il lavoro occasionale
In genere le associazioni scelgono di corrispondere un compenso quale lavoro occasionale in alcuni casi specifici che identifichiamo di seguito con alcuni esempi:

  • Tutti i  casi ove il compenso non rientra nella normativa dei Redditi diversi art. 67 lettera m) TUIR (max 10.000Euro annui). Pensiamo per esempio a figure quali il giardiniere del campo sportivo, altre collaborazioni non rientranti fra quelle amministrativo-gestionale di carattere non professionale;
  • Nelle associazioni “non sportive”, esempio le culturali, le scuole di musica ecc.;
  • Quando l’associazione è sportiva ma il compenso viene erogato a persona che svolge tale mansione in modo professionale e non dilettantistica.

Potrebbe interessarti anche:

Chi può percepire un compenso in Associazione/Società Sportiva?

Funzione per la creazione di compensi, indennità e premi



asso360-banner-1

Puoi utilizzare la demo gratuita per un periodo illimitato ed attivare l’abbonamento quando lo riterrai opportuno.

image_pdfVisualizza l'articolo in PDFimage_printVisualizza l'anteprima di stampa

Informazioni sull'Autore:

Commenta l'articolo