Bilancio Sociale obbligatorio per Imprese Sociali ed alcuni Enti del Terzo Settore. 

Il bilancio sociale e’ per sua natura «un documento pubblico, rivolto a tutti gli stakeholders (associati, soci, cittadini, ecc.) interessati a reperire informazioni sull’ente del Terzo settore che lo ha redatto, attraverso il quale «i lettori devono essere messi nelle condizioni di valutare il grado di attenzione e considerazione che l’Organizzazione riserva nella propria gestione rispetto alle esigenze degli stakeholders»

Il Decreto 4 luglio 2019 del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociale pubblicato in GU 186 del 9 agosto 2019 riporta le linee guida per la redazione del bilancio sociale.

Che cos’è il Bilancio sociale?

Il bilancio sociale è un documento sempre più diffuso anche fra le imprese non solo organizzazioni non profit utile a comunicare i risultati dell’attività non solo dal punto di vista economico-finanziario ma dando prova ai cosiddetti stakeholder (soci, associati, cittadini, ecc.) circa l’impatto sociale, ambientale, ecc. dell’attività svolta dall’ente non profit.

Chi deve redigere il Bilancio Sociale?

Tale documento con l’ingresso della riforma del Terzo Settore viene reso obbligatorio a seconda di limiti dimensionali dell’attività. Viene cioè reso obbligatorio, seguendo le istruzioni del Codice del Terzo Settore, per i seguenti soggetti:

  • imprese sociali;
  • enti del terzo settore con ricavi, rendite, proventi o entrate comunque denominate superiori ad 1 milione di euro;
  • per i centri di servizio per il volontariato, indipendentemente dalle dimensioni economiche della loro attività.

Criteri per la redazione del Bilancio Sociale

Il Bilancio sociale è un documento utile a comunicare in modo trasparente e veritiero le attività dell’impresa sociale o dell’Ente del Terzo Settore utili a dare dimostrazione ai terzi dell’impatto dell’attività. Tale documento dev’essere redatto sulla base delle Linee Guida stabilite dal Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociale.

Pubblicazione del Bilancio Sociale

Gli enti sui quali grava l’obbligo di redazione e deposito provvedono al deposito presso il registro unico nazionale del Terzo settore (RUNTS) o nel caso di imprese sociali presso il registro delle imprese, provvedendo altresì alla pubblicazione del documento sul proprio sito internet o, qualora ne siano sprovvisti, su quello della rete associativa cui aderiscono.

Il Bilancio Sociale deve essere pubblicato entro il 30 giugno dell’anno successivo.


PROVA LA DEMO DI ASSO360! 

Registrati sotto con la tua mail –>

asso360-banner-1