Fattura elettronica abolita per Associazioni sportive… è vero?

///Fattura elettronica abolita per Associazioni sportive… è vero?

Fattura elettronica abolita per Associazioni sportive… è vero?

By | 2018-11-26T12:47:11+00:00 26 novembre 2018|Il Blog, News|0 Commenti

In questi giorni alcune testate, pure autorevoli, hanno parlato con estrema sicurezza su cosa accade per la fattura elettronica dopo il provvedimento del Garante della Privacy che ha destato qualche perplessità sull’entrata in vigore dal 1 gennaio 2019.

Cerchiamo con questo articolo di analizzare cosa c’è di vero e cosa invece è falso o immaginato dai giornali, specie con riguardo alle Associazioni di cui sempre ci occupiamo.

A che punto siamo con la fattura elettronica?

  1. Il Garante della Privacy ha segnalato irregolarità della Fatturazione Elettronica proprio concernenti possibili violazioni dei dati personali;
  2. Il Governo ha creato un tavolo tecnico di lavoro per risolvere le criticità di Privacy;
  3. Il Ministro TRIA ha confermato che non ci sarà nessuna proroga, al via la fattura elettronica dal 1 gennaio 2019;
  4. Ipotesi di allargamento del periodo “di grazia” per sanzioni ridotte che passerebbe dal 30/6/19 al 30/9/19 (da confermare tuttavia nel Decreto)

Per le Associazioni Sportive viene abolita la fattura elettronica?

Alcune testate , anche autorevoli, hanno dato la notizia “certa” che per le associazioni sportive dilettantistiche dotate di partita iva la fattura elettronica è abolita. Tuttavia non c’è alcuna certezza su questo!

La notizia infatti nasce da un emendamento del Senatore Emiliano Fenu (Movimento 5 Stelle) il quale ha proposto di abolire la fattura elettronica, solo per il 2019, nei seguenti casi:

  • studi medici, farmacie ed operatori sanitari che già comunicano i dati all’agenzia delle entrate;
  • associazioni sportive dilettantistiche con ricavi commerciali inferiori a 65.000 Euro annui.

Tuttavia, va precisato, si tratta di un emendamento alla manovra fiscale, non si ha alcuna certezza. Se troverà accoglimento il Governo dovrà quindi trovare altre risorse per rimpinguare il fondo a “salvaguardia” dell’innalzamento dell’IVA.

A parere di chi scrive, l’accoglimento di detto emendamento è poco probabile vista anche la ferma decisione di mantenere l’obbligo di fattura elettronica dal 1 gennaio nonostante il parere autorevole del Garante della Privacy.

Sapremo sicuramente dirvi di più entro qualche giorno.

asso360-banner-1

Puoi utilizzare la demo gratuita per un periodo illimitato ed attivare l’abbonamento quando lo riterrai opportuno.

image_pdfVisualizza l'articolo in PDFimage_printVisualizza l'anteprima di stampa

Informazioni sull'Autore:

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Prova il Software di contabilità per l'Associazione scelto da oltre 7.000 non profit.

Tutte le funzioni gratis per 14 giorni.
PROVA LA DEMO GRATIS >
close-link