“False associazioni di volontariato”, prime decisioni del riesame sui sequestri responsabili della Trinacria

Prime conferme da parte del tribunale del riesame dei sequestri disposti dal gip nell’ambito dell’inchiesta sulle false associazioni di volontariato, in realtà ritenute vere e proprie attività commerciali e imprenditoriali, messe in piedi con la finalità di ottenere consistenti contributi pubblici nonchè simulare assunzioni, licenziamenti, disoccupazioni e acquisti di vario materiale.

I difensori degli indagati ai quali sono stati sequestrati i beni (fra gli altri gli avvocati Leonardo Marino, Basilio Vella, Roberta Russo e Giovanni Salvaggio) hanno chiesto, nei giorni scorsi, in udienza, ai giudici di annullare il provvedimento del gip Alessandra Vella che, peraltro, ha accolto solo in parte la richiesta del pubblico ministero Chiara Bisso che aveva proposto pure arresti e misure cautelari per gli indagati.

Il giudice, in considerazione del fatto che le associazioni al centro dell’indagine (Avios, Pic, Trinacria Onlus, Croce Azzurra ligure, Croce Azzurra Canova e Croce Italia) non sono più operative e non hanno convenzioni con Aziende sanitarie, aveva ritenuto che non vi fossero elementi per ritenere attuali le esigenze cautelari. Al tempo stesso è stato disposto, però, il sequestro dei beni (titoli finanziari, terreni e appartamenti), per un ammontare di circa 3 milioni di euro, degli indagati.

Tutte le info sul sito internet della testata giornalistica:

http://www.agrigentonotizie.it/cronaca/false-associazioni-volontariato-riesame-chiesto-dissequestro.html


[/fusion_builder_column]

asso360-banner-1

Puoi utilizzare la demo gratuita per un periodo illimitato ed attivare l’abbonamento quando lo riterrai opportuno.

 

 

[/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]