Al via la seconda finestra per il cosiddetto “Sport Bonus” 65% di sgravi fiscali per donazioni finalizzate a manutenzione, restauro o realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche.

Aperto dal 15 ottobre lo sportello per presentare le istanze ai fini dello SPORT BONUS.

Vediamo in questo articolo chi può accedere al  bando dello Sport Bonus e quali sono i requisiti per essere ammessi.

Chi può accedere?

  • persone fisiche
  • enti non commerciali
  • soggetti titolari di reddito d’impresa.

Per cosa si può ottenere il credito d’imposta

Per le erogazioni liberali in denaro con finalità di

  • manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici;
  • realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche.

Sport Bonus 2019 seconda finestra: la modalità e l’iter delle donazioni

Per quanto riguarda le modalità per il riconoscimento del credito d’imposta, le donazioni devono essere effettuate attraverso i seguenti metodi di pagamento:

  • bonifico bancario;
  • bollettino postale;
  • carte di debito, di credito e prepagate;
  • assegni bancari circolari.

Per questa seconda finestra occorre seguire il seguente ITER:

a) la domanda va inviata esclusivamente tramite PEC all’indirizzo ufficiosport@pec.governo.it tra il 15 ottobre ed il 14 novembre 2019, indicando nell’oggetto della mail: Sport Bonus 2° finestra 2019;
b) l’Ufficio per lo sport invierà alla PEC del richiedente un numero di codice seriale identificativo ed univoco;
c) entro il 29 novembre verrà pubblicato sul sito istituzionale l’elenco delle persone fisiche, degli enti non commerciali e delle imprese che potranno effettuare l’erogazione liberale in denaro. Verrà indicato nell’elenco solo il numero di codice seriale;
d) nei dieci giorni successivi alla pubblicazione e non oltre il 9 dicembre, i soggetti indicati nell’elenco di cui al punto c potranno effettuare l’erogazione in denaro secondo le modalità di pagamento indicate nel modulo della domanda;

Moduli da utilizzare:

Modulo per le persone fisiche

Modulo per Enti non commerciali

Modulo per le imprese

Come funziona?

Per le persone fisiche e gli Enti non commerciali:

    • il limite della credito d’imposta è pari al 20% del reddito imponibile. 

Per i titolari di reddito di impresa:

  •  tale limite è del 10 per 1000 dei ricavi annui nell’anno precedente

Cumulabilità

Lo Sport Bonus non è cumulabili con altre agevolazioni tributarie sulle erogazioni liberali.

Come beneficiarne?

Il credito d’imposta è utilizzabile, per i soggetti titolari di reddito d’impresa, tramite compensazione. Non rileva ai fini delle Imposte sui redditi e dell’Irap e non concorre alla formazione del tetto massimo di crediti d’imposta annui utilizzabili (commi 3 e 4).

 

Cos’altro ti potrebbe interessare?

Funzione per indennità compensi e premi per le Associazioni Sportive

Il documento aggiornato della legge di bilancio si trova qui:

Vai al Ministero dello Sport


 

PROVA LA DEMO DI ASSO360! 

Registrati sotto con la tua mail –>

asso360-banner-1