La legge di bilancio richiede la tracciabilità dei pagamenti dello “sport dei minori” per essere detraibile. Possibile la detrazione solo se i pagamenti sono tracciati.

La Legge di bilancio 2020 ha introdotto una novità che riguarda le detrazioni Irpef di varie spese, fra cui quelle dello “sport praticato dai minori” che dà uno sconto sull’irpef fino a 210 euro annui.

Dal 1 gennaio 2020 sarà possibile portare in detrazione la spesa per lo sport dei minori solo in presenza di un pagamento “tracciato” alla Associazione sportiva o Società sportiva dilettantistica iscritta al CONI. I pagamenti tracciati sono rappresentati da bonifici bancari, carta di credito, bollettino postale, ecc.

Cosa si intende per sport praticato dai minori

Per chi ha sostenuto tali spese per un minore a proprio carico (di età compresa tra 5 e 18 anni) e la spesa deve essere sostenuta dal soggetto che poi la indicherà nella dichiarazione dei redditi. La detrazione per spese sportive può essere ripartita tra gli aventi diritto (ad esempio i genitori) e nel documento di spesa va indicata la  quota detratta da ognuno di essi.

Quali sport sono ammessi

Sono ammesse in detrazione le spese per la pratica sportiva dei minori sostenute presso Associazioni sportive dilettantistiche e società sportive iscritte al registro nazionale del CONI per le discipline consentite dallo stesso ente certificatole nazionale.

In cosa consiste la detrazione fiscale?

Le spese sostenute per l’attività sportiva del minore danno una detrazione dal reddito per il 19% della spesa sostenuta fino ad un massimo di 210€ l’anno. Il genitore potrà così portare in dichiarazione dei redditi tale spesa per vantare un credito verso lo stato da scontare con il pagamento delle imposte.

Cosa cambia con la Legge di Bilancio 2020

Dal 1 gennaio 2020, quindi è già operativa la norma, le spese per lo sport dei minori sono “detraibili” esclusivamente se il pagamento è avvenuto in modo tracciabile.

I pagamenti consentiti per la detrazione fiscale sono pertanto:

  • bonifico bancario;
  • carta di credito o similari (es. Paypal);
  • ovvero a condizione che l’onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento previsti dall’articolo 23 del de- creto legislativo 9 luglio 1997, n. 241;

Alcuni articoli che potrebbero interessarti:


asso360-banner-1

Puoi utilizzare la demo gratuita per un periodo illimitato ed attivare l’abbonamento quando lo riterrai opportuno.