Quali sono le differenze fra Socio o tesserato (iscritto) ad una Associazione?

La differenza tra Socio e Tesserato è una domanda ricorrente per chi gestisce l’associazione, che sia essa una Sportiva, di Volontariato oppure di altra natura.

Cerchiamo pertanto di fare chiarezza in questo articolo della di quale decisione adottare nella nostra associazione dando una lettura indipendente.

Perché è tanto importante fare questa distinzione?

Innanzitutto dobbiamo capire perchè sia così importante fare questa distinzione fra socio e tesserato nell’associazione, motivi per i quali occorre essere molto attenti nella nostra operatività. Il motivo fondamentale di adottare tale decisione è di natura fiscale in relazione ai corrispettivi incassati dall’associazione (corrispettivi specifici).

Il Corrispettivo incassato dall’associazione per la prestazione di un servizio a soci o tesserati è sempre di natura commerciale e su queste occorrerebbe il pagamento di imposte e tributi. Tuttavia, la normativa precisa che tali corrispettivi possano essere detassati per le Associazioni che sfruttano l’agevolazione della Legge 398/1991 quando:

Per esaminare quali sono le differenze e che comportamento tenere, dobbiamo prendere in considerazione almeno 3 fattori.

1 – IL SOCIO DI UNA ASD

In base a quanto sancito dallo Statuto, vi possono essere differenti categorie di Soci come ad esempio i Soci Fondatori, Ordinari, Onorari, ecc.. Ciascuno di questi, a seconda di ciò che sarà previsto nello Statuto, avrà poteri e responsabilità diverse.

In genere il Socio dell’Associazione è colui che:

  • assume diritti e doveri sanciti nello Statuto;
  • per assumere la carica di Socio deve presentare una regolare domanda di ammissione all’Associazione;
  • assume la carica solo dopo la formale approvazione dello stesso dal Consiglio Direttivo previo controllo di alcuni fattori (pagamento della quota sociale, approvazione dello statuto e del regolamento interno, ecc.);
  •  partecipa appieno alla vita istituzionale dell’ASD e ne condivide gli obiettivi;
  • non obbligatoriamente partecipa alla vita sociale (es. socio sostenitore, oppure socio non attivo);

asso360-banner-1

Puoi utilizzare la demo gratuita per un periodo illimitato ed attivare l’abbonamento quando lo riterrai opportuno.

2 – Chi è il TESSERATO o ISCRITTO

L’iscritto è colui che aderisce ad una Associazione Sportiva Dilettantistica o ad una SSD riconosciuta dal CONI, pertanto ad una Federazione Sportiva Nazionale affiliata al CONI stesso.

Il soggetto “iscritto” ha pertanto come finalità quella di praticare l’attività sportiva senza per forza di cose partecipare alla vita associativa dell’ASD, pertanto il tesserato:

  • può non essere allo stesso tempo anche socio;
  • pratica l’attività sportiva promossa dall’Associazione seguendo regolamenti della stessa o comunque l’organizzazione delle attività stabilita;
  • è configurabile all’interno dell’ASD quale un soggetto che ha i requisiti previsti per la partecipazione all’attività sportiva seguendone perciò ogni regola fissata dal CONI o dalla Federazione di riferimento (ad esempio con riguardo al tesseramento presso una Federazione per la partecipazione a gare agonistiche).

 

 

3 – STATUTO DELL’ASD

Qualora foste nella condizione di voler modificare la vostra organizzazione, dovreste come prima cosa:

  1. controllare attentamente lo statuto, perché è l’unico vero strumento che vi possa dare certezza rispetto la correttezza del vostro operare;
  2. dialogate con un consulente per dare una giusta impostazione alla vostra Associazione.

Come si distingue un Socio da un tesserato?

In generale, il Socio si distingue per avere il diritto a:

  1. approvare il Bilancio;
  2. nominare il Consiglio Direttivo;
  3. altro (definito dallo statuto).

Ora facciamo un esempio, vi risulta che in una qualunque squadra di calcio dilettante (come il calcio anche negli altri sport) siano convocati i genitori dei ragazzini ad approvare il bilancio dell’Associazione Sportiva?

In alcuni casi probabilmente si, nella maggior parte dei casi non avviene questo poiché c’è una separazione fra l’Assemblea dei Soci ed i tesserati che partecipano alle attività sportive.